Abbiamo già parlato in un precedente articolo dell’Istituto per il Credito Sportivo.
Nel seguente articolo parleremo in maniera più approfondita del Fondo di Garanzia.

Cos’è il Fondo di Garanzia?

Il Fondo di Garanzia (Istituito dall’articolo 90 della legge 289/2002) per l’impiantistica sportiva ha lo scopo di fornire idonee garanzie per mutui. Questi devono essere finalizzati alla costruzione, ampliamento ed acquisto di strutture ed attrezzature sportive.
Possono beneficiare del Fondo le società e le associazioni sportive (o soggetti sia pubblici che privati che perseguano finalità sportive) per progetti non assistibili sotto il profilo delle garanzie.

L’Istituto può garantire fino all’80% dell’ammontare del finanziamento concesso, la restante parte deve avere un’idonea garanzia reale o personale. Tuttavia, per particolari iniziative ad elevato valore sociale, può concedere una garanzia fino al 100%. Qualora l’importo del finanziamento è pari (o inferiore) a 70mila euro, e la durata massima è di 7 anni, la garanzia del fondo può essere adoperata come unica garanzia del mutuo.

Quanto è l’importo massimo garantito?

Ogni soggetto beneficiario non può beneficiare di un importo superiore a 2,5 milioni di euro. L’importo può elevarsi fino a 5 milioni di auto, nel caso in cui si tratti di interventi relativi ad impianti previste dall’art.1, co. 304, lett c) della L.147/2013, e/o per mutui richiesti dal CONI, dal CIP. La garanzia prevista dell’Istituto del Credito Sportivo, prevede un periodo di ammortamento non superiore a 20 anni.

Il Fondo di Garanzia messo in campo dall’Istituto per il Credito Sportivo, è una grande opportunità per tutti coloro che sono interessati ad investire nell’impiantistica sportiva. Questo nuovo strumento, infatti, mette le basi per dare la spinta necessaria all’aumento (quantitativo e qualitativo) dell’impiantistica sportiva sul nostro territorio.

 

Se siete interessati a conoscere maggiormente tale Istituto, contattateci a [email protected]

Condividi articolo:
WhatsApp chat