Tutte le società vogliono evitare una situazione di crisi aziendale, ma quali sono gli strumenti più adatti per prevenirla? I sistemi di controllo, di gestione e pianificazione economico-finanziaria.
Questi sono tool fondamentali cui qualsiasi management aziendale deve necessariamente disporre al fine di valutare preventivamente la fattibilità della propria business strategy. Tali strumenti, infatti, sono stati valorizzati con l’introduzione del D.lgs. 14/19 del Codice della Crisi d’impresa e dell’Insolvenza (CCII).

Al fine di evitare che la situazione possa divenire tragica è sempre bene effettuare una pianificazione. Ciò per evitare che la società possa divenire insolvente nei confronti delle obbligazioni pianificate. La crisi aziendale è già presente anche in presenza di un ottimo equilibrio economico-finanziario: Se i flussi di cassa futuri dimostrano una evidente difficoltà aziendale nel rispettare le obbligazioni pianificate allora si è già in crisi.

In base all’art.3 del CCII, è dovere di un imprenditore rilevare il possibile stato di crisi di un’impresa ed attuare tutte gli strumenti necessari per il superamento della crisi aziendale. Ciò può essere espletato attraverso un modello di analisi e pianificazione economico-finanziaria. Tale modello deve essere idoneo al raggiungimento degli obiettivi di equilibrio, volti a ridurre il rischio di una crisi aziendale.

Il modello per prevenire e superare la crisi aziendale

Tale modello di analisi, pianificazione economico-finanziaria deve necessariamente prevedere:

  1. Impostare un sistema di controllo e reporting economico-finanziario per misurare la performance mensile;
  2. Stimare dei budget annuali con cui definire gli obiettivi economico-finanziari di medio periodo;
  3. Elaborazione del budget economico-finanziario-patrimoniale per ciascuno degli anni, definendo la performance reddituale;
  4. Analisi degli scostamenti rispetto al budget ed eventuale revisione.

 

Si tratta di un modello il cui fine ultimo è di anticipare una possibile crisi aziendale, e di impostare le azioni che i manager sono obbligati ad adottare per raggiungere gli obiettivi gestionali con particolare attenzione alle novità introdotte dal CCII.

Il modello deve tenere in forte considerazione un elemento in particolare: il budget. Il budget è il principale strumento per un’adeguata gestione, ed è fondamentale per verificare – attraverso un reporting – di verificare l’andamento gestionale e (in caso di scostamento) ricalibrare le azioni correttive. Esistono due tipologie di budget: provvisorio (per il raggiungimento degli obiettivi predefiniti) e definitivo (verifica finale del raggiungimento di obiettivi predefiniti).

Condividi articolo:
WhatsApp chat